Da settembre 2018 il know-how unico dello storico marchio Junkers, che da più di 100 anni offre a milioni di persone soluzioni per il riscaldamento semplici ed affidabili, verrà integrato nell’approccio di Bosch che reinventa i prodotti per il riscaldamento e il loro design.

Attraverso la capacità di innovazione di Bosch il meglio di due mondi viene unito in un marchio ben conosciuto: così la nostra tecnologia termotecnica renderà la vostra vita ancora più facile.

Sotto il marchio Bosch i nostri apparecchi, soluzioni connesse e di design, continueranno a rispondere a tutte le vostre esigenze in termini di massima qualità e semplicità d’uso, oggi come domani.

PERCHE’ QUESTO CAMBIAMENTO?

Junkers appartiene a Bosch dal 1932 e da sempre rappresenta uno dei brand più noti agli addetti ai lavori nel mercato della termotecnica: passare dal marchio Junkers a Bosch, significa fondere tradizione manifatturiera e tecnologie innovative nonchè associare ulteriormente i nostri prodotti ad un’azienda come Bosch conosciuta a livello mondiale presente in quasi 60 paesi.

In tal modo sia gli operatori di settore che il grande pubblico di utenti potranno contare sulla conoscenza del marchio Bosch, che porta con sé una garanzia unica di qualità ed affidabilità: Bosch è da sempre un partner affidabile non solo in termini di qualità di prodotto ma anche per ciò che riguarda i servizi e la cura del cliente.

La tecnologia degli apparecchi Junkers resterà la stessa, con gli elementi che assicurano alle nostre caldaie, scaldabagni e pompe di calore la massime performance e facilità d’uso, ma ulteriormente rafforzata da un nuovo logo e da un design rinnovato.

Si potrà così approfittare appieno dei vantaggi tecnologici provenienti dalle altre divisioni di Bosch per proporre delle soluzioni ancora più performanti ed economiche, che si integreranno perfettamente nei vostri progetti.

UN VANTAGGIO PER I PROFESSIONISTI E PER GLI UTENTI

Bosch è da sempre tecnologia per la vita: il nostro obiettivo è consentirvi di realizzare appieno le vostre passioni nel migliore degli ambienti possibili. Intendiamo rendervi la vita ancora più facile attraverso prodotti intuitivi e di altissima qualità.

Da subito vi condurremo nel futuro: Bosch infatti è leader nell’innovazione con soluzioni che semplificano la vita facendo, ad esempio, comunicare i sistemi di riscaldamento tra loro come il termostato smart EasyControl e la nuova gamma di caldaie serie Condens!

I nostri termostati intelligenti sono in grado di adeguarsi automaticamente alle vostre abitudini regolando in modo ottimale l’impianto di riscaldamento e di controllare a distanza i consumi di combustibile semplicemente attraverso il vostro smartphone.

COSA NE SARA’ DEI VECCHI APPARECCHI JUNKERS?

Non abbiate paura: non avrete bisogno di sostituire gli apparecchi Junkers! Infatti il nome cambia, ma il know-how centenario di Junkers rimane. Tutti i vostri apparecchi continueranno a funzionare ancora per moltissimi anni riducendo i consumi e facendovi risparmiare!

PARTI DI RICAMBIO

Che si tratti di manutenzione o di riparazione, il passaggio da Junkers a Bosch non avrà alcun impatto sui nostri servizi post-vendita.

Continueremo a produrre pezzi di ricambio per i modelli precedenti. Infatti, quando sviluppiamo i nostri nuovi prodotti, facciamo in modo che tutti i componenti che abbiamo migliorato siano compatibili con i modelli di precedente generazione.

Fonte: https://www.bosch-thermotechnology.com/it/it/residenziale/footer/junkers/

Condividi

Attraverso un innovativo sistema di Assistenza Remota,
il nostro Tecnico potrà collegarsi in video con te per ispezionare le caratteristiche dell’ambiente in cui verrà effettuata l’installazione o verificare visivamente l’eventuale problema da risolvere.

In questo modo, riceverai un preventivo dettagliato e personalizzato in poche mosse!
Come funziona:
1. CONTATTACI

Riceverai un link per installare l’App dell’Assistenza Remota 


2. CONNETTITI  

Condividi il codice univoco con Il nostro Tecnico, si collegherà in video con te per ispezionare le caratteristiche dell’ambiente


3. RICEVI IL PREVENTIVO  

Il nostro esperto ti invierà un preventivo personalizzato ed estremamente dettagliato in tempo reale!




Cosa Aspetti?

Richiedi il Video Sopralluogo

Chiama
328 3326095

Scrivici

Condividi

Il CIT, in una comunicazione via mail, non pubblicata nel sito, delle 14:59 di oggi Venerdì 9/11/18, ha annunciato che Lunedì 12/11/18, a partire dalle ore 08:15, effettuerà un aggiornamento del portale per implementare alcune modifiche previste dal Decreto Regionale del 28/09. Il portale del CIT potrebbe essere non raggiungibile durante l’aggiornamento.

Una delle principali novità del suddetto decreto è il passaggio del dato NOx rilevato durante l’analisi combustione da ppm a mg/kWh.

Per precise disposizioni CIT tutti i rapporti di controllo inviati al portale dal 12/11/18 dovranno avere il dato espresso nella nuova unità di misura, indipendentemente dalla data del controllo.

Stiamo per mettere in linea le modifiche al programma per aggiungere un nuovo campo che contenga il dato nella nuova unità di misura, per distinguerlo dai dati nella vecchia unità di misura. Le modifiche che consentono l’inserimento del nuovo dato saranno pubblicate entro la giornata di Lunedì, così come le stampe aggiornate da Mobile. Le stampe da desktop seguiranno a ruota, molto probabilmente sempre nella giornata di Lunedì.

Ci raccomandiamo di NON INSERIRE il valore in mg/kWh nel campo attuale (in ppm) ma di utilizzare il nuovo campo nell’unità di misura corretta non appena disponibile. Suggeriamo inoltre di effettuare prima di domenica sera l’invio al CIT di eventuali RCEE in sospeso in modo da poterli inviare con la vecchia unità di misura e di non dover rifare i calcoli del valore.

La funzione di invio telematico al CIT verrà sospesa da domenica sera fino al ripristino dell’operatività del portale CIT e all’aggiornamento della procedura secondo le specifiche di invio telematico fornite dal CIT, che tuttavia non sono ancora del tutto chiare.

Sorgente: Portale FuturaSI

Condividi

Mantenere efficiente l’impianto di riscaldamento attraverso un programma di manutenzione periodica vuol dire:

  • bollette più leggere per te
  • maggior sicurezza per la famiglia
  • aria più pulita per tutti
  • no a multe e sanzioni

 

 

 

 

 

 

Come tutti gli anni parte la stagione termica, il freddo incomincia a farsi sentire e si riaccendono gli impianti. Quest’anno però è più importante essere sicuri che l’impianto di riscaldamento sia in regola con i controlli e le manutenzioni perché la qualità dell’aria che respiriamo dipende anche dalle emissioni dei nostri generatori di calore.

Lo scopo di questa campagna è di rendere consapevole il cittadino ed aiutarlo a fare la sua parte per difendere l’ambiente, i suoi polmoni e quelli degli altri, di non rischiare inutili sanzioni e di ridurre la bolletta.

I quattro temi da più caldi e su cui si è più dibattuto negli scorsi mesi riguardano l’utilizzo corretto degli impianti e la qualità energetica degli edifici:

  1. installazione della termoregolazione e contabilizzazione negli edifici condominiali, meglio conosciuta come installazione delle termo valvole .
  2. necessità di effettuare sugli impianti termici le operazioni di manutenzione con le frequenze indicate.
  3. utilizzare a proprio vantaggio le indicazioni che sono contenute sull’Attestato di prestazione Energetica (APE).
  4. evitare le sanzioni previste per il mancato rispetto di alcune norme fondamentali che tutelano la salute e la sicurezza di tutti.

Per saperne di più

Le informazioni di base sull’argomento e sono disponibili in forma di FAQ ad esempio presso l’ente di controllo che effettua la maggior parte dei controlli sul territorio piemontese sia per la termoregolazione sia per gli impianti termici

Altre domande e risposte di chiarimenti ufficiali sono state fornite dal Ministero per lo Sviluppo Economico e dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri che ha pubblicato le Linee guida per le valutazioni energetiche ed economiche

La Federazione Interregionale degli Ordini degli Ingegneri del Piemonte e della Valle d’Aosta (FIOPA) ha reso disponibili le valutazioni tecnico economiche per l’installazione dei sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore 

Infine anche l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (ENEA) ha reso disponibile una Guida per l’esercizio- controllo e manutenzione degli impianti termici

Condividi

La nuova disciplina dei generatori di calore a biomassa

29 Ott

Dal 1 ottobre 2018 se si acquista un generatore di calore a biomassa e lo si vuole installare, lo stesso generatore deve avere almeno tre stelle di classe emissiva. Lo prevede una delibera della Giunta regionale del Piemonte approvata venerdì 14 settembre, relativa alla nuova disciplina … Read More »

Condividi

#nuovesanzioni: Legge regionale 16/2017 all’articolo 78

3 Dic

Ricordo che la legge regionale 16/2017 all’articolo 78 ha introdotto alcune nuove sanzioni collegate alla corretta manutenzione e al controllo degli impianti termici. La prima sanzione riguarda il RESPONSABILE DELL’IMPIANTO: se non fornisce al manutentore o all’installatore tutti i dati … Read More »

Condividi