Con la ‘’D.G.R. n°11968-46 del 04/08/09’’ la Regione Piemonte, oltre a dettare nuove disposizioni in materia di inquinamento e risparmio energetico, pone dei limiti sulle emissioni in atmosfera per gli impianti di riscaldamento. Tali limiti riguardano gli NOx (Ossidi di Azoto).

L’eventuale superamento di questi limiti si traduce quasi sempre nella necessità di sostituire il generatore di calore entro determinate scadenze temporali che variano a seconda del tipo di combustibile e della potenza dell’apparecchio.

In sintesi.

Dal 1° settembre 2016 i generatori di calore che non rispettano il limite di emissione (NOx) di 70mg/kWh (80mg/kWh per i generatori di potenza superiore a 35 kW) dovevano essere già sostituiti. Fanno eccezione i generatori di calore installati dal 01/01/2003 al 24/02/2007 per i quali la data ultima è stata prorogata al 01/09/2018.

Dal 1° settembre 2018 tutti i generatori di calore dovranno rispettare il limite di emissione (NOx) di 70mg/kWh (80mg/kWh per i generatori di potenza superiore a 35 kW).

Dal 1° settembre 2020 tutti i generatori di calore dovranno avere valori di rendimento in opera superiori ai valori minimi di rendimento come da Allegato 5 della D.G.R. 4 agosto 2009, n. 46-11968.

Allegato 5 della D.G.R. 4 agosto 2009, n. 46-11968
Rendimenti di combustione dei generatori calore

Lettera a)
Il valore minimo del rendimento di combustione, misurato alla massima potenza termica effettiva del focolare nelle condizioni di normale funzionamento, richiesto ai generatori di calore è calcolabile mediante la seguente espressione:
ηg = (93+2Log10 Pn) (valore in %)
Lettera b)
Il valore minimo del rendimento di combustione, misurato alla massima potenza termica effettiva del focolare nelle condizioni di normale funzionamento, richiesto ai generatori di calore da installarsi con collegamento a canne fumarie collettive ramificate (UNI 10640), è calcolabile mediante la seguente espressione:
ηg = (87+2Log10 Pn) (valore in %)
Lettera c)
Il valore minimo del rendimento di combustione, misurato alla massima potenza termica effettiva del focolare nelle condizioni di normale funzionamento, richiesto ai generatori di calore da installarsi con collegamento a canne fumarie collettive (UNI 10641), è calcolabile mediante la seguente espressione:
ηg = (90+2Log10 Pn) (valore in %)
Note:
Nell’Allegato 5 della D.G.R. 4 agosto 2009, n. 46-11968 il rendimento di combustione del generatore di calore viene indicato con ɳg
Il valore minimo del rendimento di combustione è misurato alla massima potenza termica effettiva del focolare nelle condizioni di normale funzionamento;
Log10 Pn è il logaritmo in base 10 della potenza termica utile nominale del generatore.
Per valori di Pn maggiori di 400 kW si applica il limite massimo corrispondente a 400 kW.

Condividi

Come ogni anno il fatidico giorno dell’accensione riscaldamenti è arrivato, case, uffici e supermercati saranno decisamente più confortevoli. Assotermica, l’Associazione che comprende i produttori di apparecchi e componenti per impianti termici, ha redatto alcuni validi suggerimenti con semplici linee guida nell’interesse di assicurare il miglior esercizio dell’impianto, in un momento in cui i…

Sorgente: Accensione riscaldamenti, le linee guida Assotermica per l’efficienza – GT – Il Giornale del Termoidraulico

Condividi

Manutenzione caldaia

28 Set

Manutenzione e controllo dell’impianto di riscaldamento: gli interventi del tecnico, periodicità, costi. Sorgente: Manutenzione caldaia

Condividi